Stampa e innovazione: Coo’ee al Brand Revolution Lab con la Cantina Gulfi

La comunicazione è un grande gioco con regole sempre nuove, e così ogni declinazione, ogni output che produce si adegua, si evolve e vive di tutte le innovazioni possibili. Quello della stampa è sicuramente un settore che vive dell’esplorazione continua tra tra tecnologia e creatività, che sfrutta ogni possibilità a sua disposizione per aggiungere valore, qualità e significato alla comunicazione.

In questo senso, il Brand Revolution Lab risponde forte e chiaro a queste richieste e si impone come un vero e proprio creative show della stampa innovativa, un appuntamento con la sperimentazione visiva che coinvolge stampatori, aziende e brand che vogliono misurarsi con queste evoluzioni.

Quest’anno abbiamo avuto il piacere di partecipare e di raccontare un bellissimo progetto che parla di vino, di passione e di legame con il territorio, anche perché se si tratta di buona comunicazione siamo come il prezzemolo. La Cantina Gulfi è protagonista di un percorso visivo che ha l'obiettivo di raccontare i suoi vini bio più rinomati attraverso la realizzazione di un entry pack basato sui luoghi di viticoltura e sulle caratteristiche territoriali che li differenziano. Una chiara volontà di trasmettere l'amore per la proprio terra d'origine e l'importanza di custodire e valorizzare un territorio. Questi sono i valori su cui abbiamo costruito l’impostazione grafica, stampata direttamente sul vetro delle bottiglie.

Ma Gulfi non vuol dire solo ottimo vino: è una storia che ha plasmato un prodotto d’eccellenza, tramandato da tempo immemore e custode di sensazioni uniche. Un vino che trattiene l'essenza del metodo vitivinicolo siciliano e che cerca sempre di coniugare la massima finezza all’estrema bevibilità.

Per questo motivo il concept creativo del packaging non ha potuto non legarsi da vicino al territorio e al processo, al lavoro e agli elementi naturali che rendono il vino Gulfi un’eccellenza italiana in tutto il mondo. Tre vini per raccontare un territorio unico, che si estende dai Monti Iblei fino alla Val di Noto e all’Etna, tre luoghi estremamente diversi nella loro espressione vitivinicola, uniti dalla tradizione, dal lavoro degli agricoltori e da tecniche di coltivazione sostenibili e all’avanguardia.

Ciascun territorio ha un colore: azzurro per il mare, verde per le colline e marrone per la zona vulcanica dell’Etna. Il vetro è diventato la base per la rappresentazione delle linee di livello che indicano l’altitudine della zona di coltivazione dei tre vitigni. La scelta di visualizzarle con la vernice UV trasparente fa sì che siano quasi nascoste alla vista, esattamente come lo sono nella realtà. La stessa tecnica è stata utilizzata per il claim che racchiude il progetto di stampa e di comunicazione: «Tra la terra e il mare, un vulcano dentro

Le tre bottiglie sono state realizzate da O-I - produttore leader di contenitori in vetro a livello mondiale - mentre il packaging, sviluppato da IVAL litocartotecnica, è composto da 3 astucci litografati in cartoncino teso utilizzando la carta Wild Brown di Cordenons; le bottiglie, confezionate singolarmente, sono state progettate per essere tenute insieme in modo da comporre un visual che mostrasse il territorio, l’altitudine e la Sicilia intera. Inoltre, l’inchiostro utilizzato per le grafiche applicate è totalmente organico, permette quindi di riciclare il vetro senza lasciare traccia o senza dover differenziare lo smaltimento.

Tre vini per raccontare una terra.

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri e di terze parti) per offrirti una migliore esperienza di navigazione e avere statistiche sull’uso dei nostri servizi da parte dell’utenza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie. Privacy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi