Comunicazione sul ring: Coo’ee vs Monsta

Come si promuove un’agenzia di comunicazione nel 2019? Esattamente come qualsiasi altro prodotto: si individuano i punti di forza, il pubblico, si analizza il mercato, si mette in moto la creatività… e poi si fa un incontro di wrestling.

L’incontro di Coo’ee ha avuto due protagonisti d’eccezione: da una parte l’eccesso, l’esagerazione, lo stereotipo dell’abbondanza, e dall’altra la semplicità, l’insospettabile efficacia del minimo indispensabile. È il collegamento diretto al claim della nostra agenzia: «togliere, togliere, togliere.», un invito esplicito a evitare il superfluo e andare dritti al punto, all’essenziale.

L’essenzialità è un concetto semplice e va comunicato come tale. Che sia di un posizionamento, di una comunicazione o di un messaggio, il nostro è un elogio alla semplicità che condanna le abbondanze, il superfluo e tutto ciò che ingolfa la nostra quotidianità e ci impedisce di vedere oltre lo specchio.

Quando è arrivato il momento di pensare al nuovo spot, ci siamo seduti a un tavolo e abbiamo cercato di immaginare un contesto in cui l’eccesso, la ridondanza e la sovrabbondanza fossero per definizione protagonisti. Inutile dire che il wrestling ha vinto a mani basse. Così ci siamo divertiti a ribaltare la prospettiva, a sfatare il luogo comune del «più grande è più forte», in poche parole a giocare d’astuzia.

L’avversario della semplicità è una figura non proprio rassicurante: indossa una maschera di pelle verde che fa pandant con il mantello, è alto 1.92, ha smesso di pesarsi quando la bilancia ha superato i 145kg e di mestiere fa il wrestler. È conosciuto nell’ambiente come Monsta ed è altrettanto famoso per i suoi modi, non esattamente educati, di «maneggiare» gli avversari. Certo, il wrestling è fatto di spettacolo e di colpi più esibiti che realmente sferzati, ma per chi non è un atleta ben allenato non c’è alcuna garanzia per l’incolumità personale.

Uno spot come questo è un investimento per il futuro, un modo distintivo per promuovere una precisa filosofia creativa e rimarcare il nostro approccio indipendente, creativo, ma soprattutto… libero.

«Togliere, togliere, togliere.» sul ring, per strada, nelle piazze, ovunque.

Guarda il video ufficiale

Guarda il backstage

togliere, togliere, togliere.

cosa significa?